Home Senza categoria

66

Carissimi,

con piacere vi alleghiamo la locandina dell’ultimo spettacolo accessibile per non udenti di questa stagione, come al solito possibile grazie alla nostra collaborazione ormai decennale con la Compagnia del Teatro dell’Argine. Si terrà all’ITC Teatro la prossima settimana, il 18 e il 19, con due repliche ambedue sovratitolate.

Sarebbe veramente bello vedervi numerosi, specialmente le persone sorde, ad approfittare di questa opportunità rara di godere pienamente di uno spettacolo che sicuramente farà meditare.

Teatro sovratitolato Giugno 2019

144

 

Sabato 16 Marzo dalle ore 10.00 alle ore 12.30 a Cesena presso la Fattoria dell’Ospitalità di Diegaro le associazioni della Rete Abilità Diverse, cui la sezione di Cesena fa parte, si terrà un incontro di presentazione e conversazione sul tema

Family Care: un nuovo approccio al cambiamento centrato sulle relazioni.

Sarà un’ occasione di ascolto e confronto reciproco sulle esperienze realizzate e quelle in corso.

 

 

La sezione di Cesena partecipa all’iniziativa ” Al cinema con le Associazioni” organizzata dal Coordinamento del Volontariato di cui facciamo parte.

Un’ occasione per incontrarci associazioni e cittadinanza,lasciarci emozionare ed interpellare dai tre film in programma e dalle testimonianze che seguiranno la proiezione.

L’appuntamento è dalle ore 15.30 alle ore 17.30 per i sabati 13 e 27 ottobre e 10 novembre (ingresso €.2)

il 10 novembre il film  “Si può fare”  sarà SOTTOTITOLATO

 

359

Sara Giada Gerini ha vauto grande successo in rete per l’hashtag
#Facciamoci sentire, la sua protesta e richiesta di maggior sottotitolazioni in TV
Ora ha La Gerini ha scritto un libro, che presenterà, dove racconta un po’ della sua vita, che riporta tanti vissuti comuni alle giovani generazioni di persone sorde.
Lucia Brasini, una giovane in rappresentanza di FIADDA Emilia Romagna,
presenterà il nostro progetto regionale per la diffusione della sottotitolazione
“parole da ascoltare, parole da leggere…. parole per tutti”

la manifestazione sarà SOTTOTITOLATA
proprio grazie al Progetto Fiadda finanziato dalla Regione Emilia Romagna
“Abbattere le barriere della comunicazione per una società inclusiva anche per le persone sorde”

378

Il 16 aprile si002 è tenuta a Bologna, presso la Sala Fanti della Regione Emilia Romagna, l’importante presentazione pubblica  organizzata dal Coordinamento FIADDA Emilia-Romagna,  per presentare il progetto “Abbattere le barriere della comunicazione per una società inclusiva anche per le persone sorde”, che promuove l’attivazione e la diffusione sul territorio regionale dei servizi di sottotitolazione in tempo reale tramite respeaking, perché diventino una buona pratica da attuare in ogni occasione pubblica.  Il primo intervento di Cecilia Bacconi ha espresso con forza l’importanza dei sottotitoli nella vita quotidiana delle persone sorde, come strumento di libertà di scelta, di autonomia e di indipendenza nell’accesso alle informazioni. I sottotitoli, afferma Cecilia, costituiscono “un’ottima opportunità per stimolare lo sviluppo lessicale e culturale, uno stimolo per l’apprendimento dell’italiano”.  Intervengono poi le Docenti Maria Chiara Russo e Claudia Lecci del Dipartimento di Interpretazione e Traduzione di Forlì,  dell’Università Alma Mater, partner del progetto, che hanno spiegato il funzionamento del respeaking e le motivazioni per cui l’Università abbia scelto di investire sulla formazione di tale figura professionale.  Segue l’intervento di Elisabetta Gualmini, vice Presidente della Regione, sostenitrice del progetto, che ripercorre le azioni realizzate negli anni in sinergia con la FIADDA, insistendo sulla necessità di investire sull’autonomia delle persone con disabilità; il futuro è da costruire insieme ascoltandoci reciprocamente e rispondendo anche alle esigenze specifiche. Il Presidente ASI Domenico Pinto ha ricordato come la sua Associazione ha aderito con convinzione al Progetto, mentre Fabrizio Binacchi, Direttore Regionale Sede Rai per l’Emilia Romagna, ha parlato del nuovo contratto di servizio Rai e di come l’Azienda sia impegnata attualmente in un miglioramento della qualità delle trasmissioni dal punto di vista della dizione di chi opera nella rete e del miglioramento qualitativo della qualità acustica delle trasmissioni delle Rete tra musiche di sottofondo e parlato.  Infine il Pr001esidente Fiadda Antonio Cotura ha fatto un punto sullo stato dell’arte della sottotitolazione in Italia, partendo dalle prime sperimentazioni stimolate proprio da FIADDA Nazionale presso la RAI, ai nodi critici dell’odierno Contratto di Servizio;  dai respeaker formati tra gli assistenti alla comunicazione di FIADDA Roma, alla necessità di intervenire sui LEA e sul percorso logopedico successivo allo screening uditivo neonatale in tutti i punti nascita.

Un ringraziamento particolare viene rivolto da FIADDA al Presidente Paolo Zoffoli ed ai membri della IV Commissione dell’Assemblea Regionale, che hanno permesso il finanziamento del Progetto. Con questo percorso di collaborazione tra FIADDA e Regione Emilia-Romagna sono state gettate delle buone fondamenta per costruire il futuro di autonomia e inclusione delle persone sorde sul territorio.

Molto è stato fatto, molto resta ancora da fare!

c-002

Lunedì 16 aprile dalle 9,30 a Bologna, presso l’Assemblea legislativa Regione Emilia Romagna,  Sala Guido Fanti, Viale Aldo Moro 50, si svolgerà la presentazione ufficiale del progetto regionale “Abbattere le barriere della Comunicazione per una società inclusiva anche per le persone sorde”. E’ previsto l’autorevole intervento della Vice presidente della Giunta regionale Prof.sa Elisabetta Gualmini.   L’ambizioso ed innovativo progetto, che vede come attori Regione, Università e Associazioni, è finalizzato al superamento delle barriere della comunicazione tramite la sottotitolazione in diretta di ogni evento sociale, informativo, ricreativo e culturale pubblico.
Oggi la tecnologia offre possibilità impensabili qualche decennio fa, strumenti che permettono la partecipazione delle persone sorde alla vita, alla cittadinanza, alla cultura come tutti.  Ma le nuove opportunità tecnologiche possono restare inutilizzate se non si crea un cambiamento culturale, una nuova sensibilità che porti nel quotidiano ad azioni per il superamento delle barriere della comunicazione.

La partecipazione è libera mediante accredito alla mail: coordinamento@fiaddaemiliaromagna.it

Scarica il programma :    Programma-abbattere le barriere 16apr2018

 

1271

Abb-01   ” Al fine di consentire alle persone con disabilità di vivere in maniera indipendente e di partecipare a tutti gli aspetti della vita, gli Stati Parti adottano misure adeguate a garantire alle persone con disabilità, su base di uguaglianza con gli altri, l’accesso [...] all’informazione e alla comunicazione, compresi i  sistemi e le tecnologie utili a tali finalità [...]   CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA’  art. 9  (ratificata dall’Italia il 24 febbraio 2009)

Vogliamo informarvi dell’avvio sperimentale in Regione di un servizio di sottotitolazione in diretta con respeaker per eventi ed iniziative pubbliche di vario genere (convegni, conferenze, eventi formativi, funzioni religiose, ecc.); strumento di fondamentale importanza per l’accessibilità concreta degli stessi alle persone sorde, agli stranieri, e ad ogni persona con difficoltà di comunicazione.   Il Progetto sostenuto dalla Regione Emilia Romagna, si avvale della collaborazione dell’Università – Corso di Laurea Magistrale di Interpretazione di Forlì -  che forma i professionisti traduttori con la tecnica respeaking.  Da oggi mettiamo a disposizione tale servizio di sottotitolazione in diretta per tutte le iniziative collettive pubbliche e private, inizialmente in forma gratuita, così da concretizzare ciò che la sopra menzionata Convenzione ONU  e la legge italiana impongono.

COME RICHIEDERE IL SERVIZIO DI SOTTOTITOLAZIONE

Il servizio include sia la prestazione dei professionisti respeaker sia la fornitura delle apparecchiature e materiali tecnici necessari. Vi consigliamo di prevederne l’attivazione per tempo, fin dalla fase preliminare dell’organizzazione di ogni evento da rendere accessibile.  Per l’attivazione e per ogni chiarimento contattate direttamente i referenti delle nostre associazioni sui vari territori della Regione: i loro recapiti sono contenuti nel depliant allegato, scaricabile al link sotto indicato. Sottotitolazione respeaking nella fase iniziale del Progetto regionale, a scopo divulgativo e sperimentale,  viene offerta gratuitamente.

Contatti e depliant scaricabili al link–>  Progetto-ER-BarriereComunicazione

1835

Carissimo Alex,

desidero esprimere a nome dei nostri bambini e ragazzi sordi e delle loro famiglie la nostra profonda gratitudine per la tua generosa donazione. Un bimbo che nasce con una sordità bilaterale profonda congenita come mia figlia e tanti altri conosciuti nei dieci anni di attività della nostra Associazione, viene privato non solo del contatto sensoriale uditivo, ma della stessa possibilità di sviluppare la creazione delle connessioni neurali cerebrali profonde che dovrebbero costituire la base di partenza per lo sviluppo spontaneo del linguaggio.

I bambini Imparano a parlare grazie all’udito, se questo non funziona il linguaggio non parte. E indispensabile intervenire nei primissimi mesi di vita con protesi acustiche impianto cocleare ed una intensiva riabilitazione logopedica per aiutarli a conquistare il dono della parola. Noi non facciamo miracoli, ci appoggiamo alla tecnologia sanitaria che ha inventato gli “Orecchi Magici” (protesi acustiche ed Impianti cocleari) ed alla logopedia che guida i nostri bimbi sordi nel lungo faticoso percorso di riabilitazione all’uso della parola. Dedichiamo il nostro impegno quotidiano per far rete tra noi, supportiamo le famiglie nel superamento del trauma della scoperta di un figlio sordo e coinvolgiamo gli operatori della sanità, della scuola e dell’inclusione sociale, con varie iniziative di aggiornamento formativo sulla sordità.

La tua generosa donazione ci permetterà di portare avanti tutto ciò. In particolare nei prossimi due/tre anni prevediamo diverse iniziative, tra le quali: L’organizzazione di un corso sulla didattica inclusiva nelle scuole per gli insegnanti delle scuole medie e superiori, la progettazione di percorsi di sostegno per due dei nostri ragazzi che, oltre alla sordità, sono stati colpiti da un danno cerebrale importante e da una grave problematica di malformazione3-GranGalà  cardiaca. Continueremo con gli incontri periodici per stimolare la socializzazione dei nostri bambini e ragazzi sordi ed il mutuo aiuto tra le famiglie.

Permettimi di ringraziare anche Alessandro che ci ha messo in contatto con te, Michela e Carlotta per lo splendido lavoro di organizzazione del Gran Galà al Teatro Alighieri, formidabile opportunità divulgativa. Grazie a questa fantastica sinergia siamo riusciti a far conoscere al pubblico di Ravenna le attività della nostra Associazione a favore dei bambini e ragazzi sordi del territorio.

Andiamo avanti senza mollare mai, e farlo sarà più semplice anche grazie alla tua encomiabile generosità.

GRAZIE DI CUORE ALEX !!

 Fabrizio DONATO

908

Emilia RomagnaTeatro Fondazione e AGFA/Fiadda di Bologna,
nell’ambito di un progetto COPID (Distretto Sanitario di Bologna),

presentano uno spettacolo sovratitolato per abbattere le barriere della comunicazione e favorire la partecipazione anche delle persone sorde

DELITTO E CASTIGO
di Fėdor Dostoevskij
adattamento e regia di Konstantin Bogomolov

Sabato 27 maggio ore 19,30
Teatro Arena del Sole
Via Indipendenza 44, Bologna

Info biglietti
biglietteria@arenadelsole.it, tel 051.2910910
Alle persone sorde viene praticato uno sconto del 20% sul biglietto (dietro presentazione della certificazione).
www.fiaddaemiliaromagna.org; bologna@fiaddaemiliaromagna.org; tel. 328.8674118

Scopri la LOCANDINA

924

A Roma, quattro giorni intensi di incontri, Workshop ed eventi culturali cui hanno partecipato giovani sordi provenienti da tutta Italia. Sono stati affrontati temi legati alla sordità come accessibilità, fruibilità, mondo della scuola, del lavoro; problematiche, esperienze, punti di forza, ma soprattutto condivisione.
Ai diversi incontri con esperti si sono alternati laboratori di gruppo e momenti culturali, ma anche creativi e di divertimento.
Organizzato da FiaddaLab, un laboratorio operativo di giovani all’interno di Fiadda.

img_2705Ascoltiamo alcuni di loro:

In questi quattro giorni, ci siamo ritrovati per discutere le varie problematiche della sordità e della disabilità; abbiamo notato che le persone udenti hanno difficoltà a capire i nostri problemi. Ci siamo ritrovati a ribadire l’importanza che il sordo possa parlare. “La sordità non ti definisce come persona”
Elia

La persona con sordità oggi sente, parla, pensa, agisce, progetta, ama, VIVE.
In queste giornate abbiamo dimostrato che siamo PERSONE, tutte uguali e tutte meravigliosamente diverse. Abbiamo imparato che dobbiamo farci conoscere per le nostre qualità e non per i nostri problemi. Abbiamo ascoltato, analizzato, riflettuto, ci siamo confrontati tra noi e con chi era con noi. Insomma sempre restando ben saldi nel presente, abbiamo puntato lo sguardo al futuro….in fondo vogliamo “solo” impollinare il mondo!
Lucia

Sguardi che si incrociano senza paura, essere come tutti con tutti nella diversità di ognuno di noi.
Lo stare insieme elimina le etichette e ci ha permesso di condividere idee e punti di vista diversi, mostrando con umiltà le proprie difficoltà.
La sordità passa incredibilmente da uno stigma negativo ad un dono da condividere con gli altri attraverso la consapevolezza di non essere soli. Idee brucianti e proposte per abbattere pregiudizi e barriere con modalità inclusive.
Francesco

whatsapp-image-2016-09-13-at-20-57-51Le parole non bastano ad esprimere tutto quello che si è vissuto e quanta forza e spirito sono usciti da ciascuno di noi, con l’obiettivo di migliorare la società in cui viviamo. Inclusione e accessibilità per tirar fuori la persona che c’è dentro di noi, con le proprie “caratteristiche”, le proprie capacità, il proprio talento e tanta voglia di vivere e partecipare, senza le barriere che spesso la società ci impone.
Clelia

“Hai mai incontrato una persona normale?”
Eleonora

per saperne di più vai al sito www.fiadda.it