Home Archivi 2018

Archivi annuali:2018

Durante il festival alcuni eventi saranno sottotitolati in diretta, in modo da essere accessibili anche alle persone sorde

 

28 settembre ore 15, Palazzo D’Accursio, Cappella Farnese

Giovanna Cosenza, Guardo

e mi guardo: come i media condizionano l’immagine del nostro corpo

29 settembre ore 10, Palazzo D’Accursio, Sala Tassinari

Cecilia Camellini, L’essenziale è invisibile agli occhi

30 settembre ore 17, Palazzo D’Accursio, Sala Tassinari

Riccardo Fedriga, Elogio della bellezza e della bruttezza

Domenica 30 settembre sarà inoltre sottotitolata in diretta la santa messa delle ore 11 celebrata nella Basilica di San Francesco

La sottotitolazione sarà a cura del Coordinamento delle sezioni Fiadda Emilia Romagna (AGFA Bologna, ADDA Cesena e Orecchio Magico Ravenna) nell’ambito del Progetto finanziato dalla Regione Abbattere le barriere della comunicazione, per una società inclusiva anche per le persone sorde.

 
www.fiaddaemiliaromagna.org
Per il programma completo del Festival si rimanda al sito: www.festivalfrancescano.it

Fiadda Cesena, con la Rete Abilità Diverse, di cui fa parte, con Assiprov (Centro Servizi per il Volontariato Forlì Cesena) hanno organizzato un ciclo di incontri ed eventi sul Progetto di Vita per trovare strategie e risposte alla domanda ” Aspettare il futuro o costruirlo?

Il terzo appuntamento sarà sabato 29 Settembre ore 16.30 presso la Fattoria dell’Ospitalità, in via Maccanone 335 – Diegaro di Cesena. Ci confronteremo sui temi salienti dell ‘inclusione scolastica e lavorativa per comprendere i cambiamenti attuati e quanto ancora occorre realizzare per una piena soddisfazioni dei diritti in ambito scolastico e lavorativo secondo la Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità.
Entreremo nell’argomento attraverso le esperienze dirette raccontate da uno studente ( Leonardo della nostra associazione), una mamma di un’alunna, un lavoratore, una formatrice e coordinatrice dei progetti di inserimento lavorativo, Sonia Maestri ed un coordinatore Area Socio-Occupazionale, Francesco Torelli della Fondazione EnAIP Forlì-Cesena.
Continueremo il confronto divisi in sottogruppi per favorire la partecipazione di ciascuno.
Al termine dei lavori di gruppo interverranno il referente degli insegnati di sostegno, professore Davide Ceccaroni e il referente per i percorsi di accompagnamento al lavoro Fondazione EnAIP, Claudio Bulgarelli, che spiegheranno i cambianti avvenuti e i punti ancora da raggiungere dall’attuazione della Convenzione Onu ad oggi.
 
Alle ore 19.30 un’apericena per continuare confronti e conoscenze in un clima di convivialità.
Alle ore 20.30 inizierà lo spettacolo per trascorrere una serata allegra insieme!  

Sara Giada Gerini ha avuto grande successo in rete per l’hashtag
#Facciamoci sentire, la sua protesta e richiesta di maggior sottotitolazione in TV
Ora ha La Gerini ha scritto un libro, che presenterà a Cesenatico, dove racconta la sua vita, che riporta tanti vissuti comuni alle giovani generazioni di persone sorde.
Alessandro Pilotti di FIADDA Cesena presenterà il nostro progetto regionale per la diffusione della sottotitolazione, per rendere accessibili e fruibili eventi pubblici e spazi della cultura e del tempo libero.
Interverrà anche Cecilia Bacconi, una giovane di FIADDA Bologna, sul tema
“parole da ascoltare, parole da leggere…. parole per tutti”
Molto gradito il saluto del Sindaco di Cesenatico Matteo Gozzoli

LA SERATA SARA’ SOTTOTITOLATA IN DIRETTA
proprio grazie al PROGETTO FIADDA finanziato dalla REGIONE EMILIA ROMAGNA
“Abbattere le barriere della comunicazione per una società inclusiva anche per le persone sorde”

165

Sara Giada Gerini ha vauto grande successo in rete per l’hashtag
#Facciamoci sentire, la sua protesta e richiesta di maggior sottotitolazioni in TV
Ora ha La Gerini ha scritto un libro, che presenterà, dove racconta un po’ della sua vita, che riporta tanti vissuti comuni alle giovani generazioni di persone sorde.
Lucia Brasini, una giovane in rappresentanza di FIADDA Emilia Romagna,
presenterà il nostro progetto regionale per la diffusione della sottotitolazione
“parole da ascoltare, parole da leggere…. parole per tutti”

la manifestazione sarà SOTTOTITOLATA
proprio grazie al Progetto Fiadda finanziato dalla Regione Emilia Romagna
“Abbattere le barriere della comunicazione per una società inclusiva anche per le persone sorde”

131

 

Sabato 23 giugno la sezione di Cesena ha organizzato una gita a S. Mauro Pascoli

con visita alla casa dove è nato il poeta Giovanni Pascoli nel 1855,

cui è rimasto sempre molto legato e dove ha passato la sua giovinezza.

La guida ci ha fatto conoscere meglio la vita e la personalità di Pascoli, una scoperta per molti aspetti! La cucina ha interessato tutti con gli utensili del 1800, che ci raccontano una vita quotidiana tanto diversa dalla nostra. Una nostra giovane ha declamato alcune poesie di Pascoli!!

Poi abbiamo visitato Villa Torlonia, e un volontario ci ha raccontato la storia e l’organizzazione di una villa, dapprima al centro di ricche attività economiche e le sue alterne vicende.

E’ stata una giornata interessante per conoscere meglio il nostro territorio e la nostra storia.

L’attività è all’interno del progetto Io, te e il mondo. Comunicare con gli altri e star bene con se stessi” 2018 realizzato con il contributo dell’Unione dei comuni Rubicone-Mare.

 

179

Carissimi,

con grande piacere vi invio in allegato l’invito per l’ultimo spettacolo teatrale sovratitolato di quest’anno, che avrà luogo all’ITCTeatro di San Lazzaro di Savena.

Vi faccio notare che tra gli attori c’è il “nostro” Luca Di Costanzo e che sarebbe veramente bello accorrere numerosi ad applaudirlo.

Perciò……. al bando la pigrizia e venite tutti a teatro; sono due serate, potete anche scegliere…

Cari saluti    Luisa Mazzeo




AGFA/FIADDA
di Bologna

Compagnia
Teatro dell’Argine di San Lazzaro di Savena

col patrocinio del Comune di
San Lazzaro di Savena

nell’ambito della

nona edizione
della Rassegna

 



Il teatro con i sovratitoli

per abbattere
le barriere della comunicazione

e favorire
la partecipazione anche delle persone sorde

 

presentano

 

Lo scorticatore
di Arromanches
 
con Beatrice Beltrandi, Riccardo Calmucchi, Leonarda Carlini, Luca
Di Costanzo, Daniela Gardenghi, Alessandro Lydster, Alessandra Maccaferri,
Anna Macchia, Angela Maritato, Marika Pibiri, Raffaella Ribani, Nunzia
Triventi 
regia di Lorenzo Ansaloni 
 
Con l’occhio sarcastico e la fantasia rutilante
e folle di Boris Vian, anche una giornata drammatica come quella dello
sbarco degli alleati in Normandia può diventare il soggetto di una
commedia a tratti esilarante. Nella casa di uno scorticatore di cavalli
si avvicendano sulla scena soldati d’ogni provenienza, figlie da maritare,
mogli smemorate, vicini occhiuti, sempre col sottofondo roboante di
una guerra invisibile e colpevolmente ignorata. Nel finale, mentre cala
il tramonto nel pittoresco paesino di Arromanches, gli ultimi personaggi
si sparano sulla scena quasi come in un gioco assurdo o in una scena
da cartone animato, ed è una risata amara quella che accompagna questo
che è davvero un “tramonto dell’umanità”.

 

lunedì 18 e martedì 19 giugno 2017, ore 21.15 

 ITC Teatro, via Rimembranze 26, San Lazzaro di Savena
(BO)

 

posto unico 6 euro 
omaggio bambini fino ai 10 anni 

Alle persone sorde sono riservati i posti migliori per una buona
lettura dei sovratitoli.

Per prenotare: Tel. 051.6270150
o
info@itcteatro.it.

Per informazioni: bologna@fiaddaemiliaromagna.org; tel 328.8674118

207

“Anche quest’anno  AGFA – FIADDA ha partecipato  alla “Strabologna 2018″ il grande evento di festa che riempie tutta Bologna.  C’eravamo di nuovo,  a camminare insieme per le strade di Bologna….. e specialmente perché tutti insieme,  con la maglietta indossata, possiamo dire che “sono sordo … ma parlo…..”.

Nella foto alcuni partecipanti della FIADDA, non solo di Bologna!



Mercoledì 23 maggio a Cesena si è tenuto un convegno che ha visto protagonisti le Associazioni e gli operatori dei Servizi AUSL che si occupano di minori.
Una tappa importante di un percorso nuovo,  iniziato nel 2016 di conoscenza e integrazione delle Ass.ni dell’Area Disabilità del Coordinamento del Volontariato ed i referenti dei Servizi, con l’obiettivo creare conoscenza, fiducia e collaborazione reciproca. Pensiamo infatti che le associazioni possano essere una utile risorsa nel percorso abilitativo, che non può coinvolge solo gli aspetti sanitari ma anche psico-sociali, cioè  la persona in tutta la sua interezza e complessità e nel suo contesto di vita.
Nell’occasione è stato presentato il “Progetto Lettura” che sta donando a biblioteche pubbliche e scolastiche alcuni libri di narrativa per bambini e ragazzi sulla disabilità, e la Rete Abilità Diverse ha donato i libri alle quattro Unità Operative di Area Pediatrilca presenti al Convegno. IMG-20180524-WA0008

 

Sabato 19 maggio si è tenuta la presentazione conclusiva del progetto “Cesena Accessibile” promosso dalla Rete Abilità Diverse, di cui la Sezione FIADDA di Cesena fa parte, all’interno della cornice suggestiva della Biblioteca Malatestiana di Cesena, per consegnare alla cittadinanza i progetti realizzati dagli studenti dell’Istituto Tecnico Geometri di Cesena.

I 24 ragazzi delle classi quarte, da veri protagonisti, si sono messi totalmente in gioco e non si sono fermati semplicemente al rilievo delle barriere, ma hanno cercato di capire cosa accade ad una persona con disabilità quando si muove nello spazio pubblico.

Guidati negli aspetti tecnici e legislativi dai due architetti Carlo Verona e Lucia Brasini, esperti di accessibilità e fruibilità , e accompagnati da alcune persone con disabilità (ricordiamo Alessandro, Carol, Fabrizio e Luciano dell’Unione Ciechi e Ipovedenti; Livio dell’Associazione Para-Tetraplegici), gli studenti hanno sperimentato in prima persona cosa significa muoversi in carrozzina o avere un deficit visivo, tramite occhiali che simulano diversi tipi di ipovisione e cecità . Nel momento in cui riscontravano un ostacolo, hanno analizzato e misurato gli aspetti fisici dello spazio che creano impedimenti. Ma il loro lavoro non si è fermato qui, perchè con il supporto della psicoterapeuta Sara Valerio, sono stati esplorati gli aspetti psicologici, sociali e culturali delle barriere: come mi sento quando sono sulla carrozzina e non riesco a fare quella rampa? quando “da cieco” non so in quale bagno andare perchè non è comprensibile uomini o donne? e quando “da sordo” non posso accedere alle informazioni?

I progetti sono stati consegnati all’Amministrazione Comunale, che si è impegnata a valutarli, come i progetti della prima edizione dell’anno scorso che sono stati presi in esame e in buona parte già finanziati e avviati a realizzazione.

Ringraziamo i docenti dell’ITG che hanno creduto nel progetto, dandoci la possibilità di dare un contributo alla formazione dei tecnici del futuro, certi che questo seme gettato potrà germogliare in una città sempre più accogliente, inclusiva e a misura di ogni persona.

Crediamo fermamente che la rivoluzione culturale debba partire proprio dalla formazione e dall’educazione delle giovani generazioni. Abbiamo SOTTOTITOLATO l’evento, con il nostro progetto finalizzato al superamento delle barriere della comunicazione, finanaziato dalla Regione Emilia Romagna, perhè le barriere non sono solo quelle fisiche, che si vedono, ma esistono anche le barriere invisibili: sensoriali, culturali, sociali…

IMG-20180525-WA0025