Home GIOVANI AUDIOLESI

 

Come già segnalato a luglio 2019 la Regione Emilia Romagna ha approvato la legge n.9 “Disposizioni a favore dell’inclusione sociale delle persone sorde, sordocieche e con disabilità uditiva”

Una legge costruita in tre anni di incontri e di confronto fra le Associazioni e la Regione, e in particolare grazie all’ascolto e alla disponibilità dei consiglieri Zoffoli e Boschini.

Ne è scaturita una buona legge che ha tenuto conto delle diverse realtà delle persone sorde, e quindi di diversi bisogni e risposte. Si tratta di una legge ampia e articolata che affronta tutto il complesso percorso dalla diagnosi e presa in carico (screening neonatale, protesizzazione, servizi abilitativi, tavoli tecnici di monitoraggio) alla scuola, al lavoro, all’informazione, alla cultura, al tempo libero.

In questi giorni è stato pubblicato il Bando che finanzia interventi relativi alla parte della legge riguardante l’inclusione sociale, in particolare l’accesso all’informazione, alla comunicazione sociale, alla cultura e al tempo libero.

Un ambito di intervento che ci sta molto a cuore in quanto sono proprio questi gli aspetti che oggi più emarginano le persone sorde e che richiede azioni di informazione e sensibilizzazione per superare stereotipi e favorire un cambio di cultura.

Occorre infatti dare risposte alle esigenze di una nuova generazione di ragazzi, di giovani e adulti sordi che non conoscono il linguaggio dei segni, parlano, scrivono e leggono e hanno le capacità e la voglia di essere inclusi nella società con tutti e come tutti.

Si tratta di esigenze che richiedono nuove soluzioni anche tecnologiche, che oggi sono possibili (sottotitolazione, riconoscimento vocale, induzione magnetica, ecc.) per superare le barriere della comunicazione, e la legge è aperta anche a novità che potranno essere messe a punto da una tecnologia in rapida evoluzione.

Come FIADDA lavoreremo per realizzare quante più azioni concrete per favorire la partecipazione sociale, la crescita personale e culturale delle persone sorde della nostra regione, confidando di poter continuare la collaborazione attiva con l’Istituzione Regionale.

 

 

 

 

Sabato 13 Aprile ore 18 presso il Mascherpa Caffè in Corso Comandini 28 a Cesena

continua la Mostra Fotografica itinerante per i punti di incontro della città

“Le prospettive della solitudine” organizzata dalla Rete Abilità Diverse di cui A.D.D.A. fa parte.

Vogliono essere occasioni di incontro e confronto aperti alla città. L’idea è nata da un percorso di gruppo, che ha coinvolto diversi giovani delle nostre associazioni, alla ricerca degli “Antidoti alla solitudine” che non è esperienza solo delle persone con disabilità.

Gli autori saranno lieti di presentare le diverse prospettive della solitudine intercettate dalla loro macchine fotografiche.

 

 

la sezione di Cesena assieme alla Rete Abilità Diverse propone un percorso di quattro incontri di gruppo rivolti a giovani dai 18 ai …40 anni con e senza disabilità, che vogliono USCIRE DAL PROPRIO GUSCIO, raccontarsi, condividere le esperienze di solitudine e trovare assieme gli antidoti …perché…

# InDiversiNonSiamoSoli!

 

 

Sabato 2 febbraio si è tenuto presso il circolo Arci Benassi di Bologna il secondo incontro del ciclo dedicato ai ragazzi non udenti della regione Emilia Romagna. “Porta un amico”: questo il tema del ritrovo che ha visto 15 giovani sordi e non confrontarsi sul tema delicato della sordità in età adolescenziale e del rapporto con gli altri. Grazie alla guida di Davide Rambaldi, educatore specializzato nel campo della disabilità ci sono stati momenti di confronto molto intimo e toccante, sia da parte degli amici udenti presenti, che dei ragazzi, e che hanno messo a nudo le proprie paure.

L’incontro è stato sottotitolato, è all’interno di un progetto finanziato della Regione Emilia-Romagna che risponde alle esigenze delle nuove generazioni di persone sorde abilitate alla lingua verbale, che non conoscono la lingua dei segni,

e che vogliono partecipare alla vita sociale, nonostante i pregiudizi e le barriere della comunicazione.

 

 

SABATO 15 DICEMBRE ore18 a Cesena la Rete Abilità Diverse di cui A.D.D.A. fa parte, ha organizzato un Aperitivo e Mostra Fotografica “Le prospettive della solitudine”, l’idea nasce da un percorso di gruppo, che ha coinvolto diversi giovani delle nostre associazioni, ma non solo, alla ricerca degli “Antidoti alla solitudine” .

Gli autori saranno lieti di presentarvi le diverse prospettive della solitudine intercettate dalla loro macchine fotografiche.

Immagini personali che diventano occasione di confronto ed incontro con gli altri.

 

0-LOCANDINA 1 CONCERTO RAVENNA

Teatro Rasi – Via di Roma 39, Ravenna
24 novembre 2018 ore 21:00
Il pianista Davide Santacolomba si esibirà a Ravenna, sabato 24 novembre alle ore 21:00 al Teatro Rasi, con il patrocinio della Regione Emilia Romagna, della Provincia e del Comune di Ravenna e con la collaborazione dell’Istituto Superiore degli Studi Musicali G. Verdi.
Il concerto sarà aperto dall’ensemble composta da Sara Renelli, Carlo Margotti, Mirko Maltoni, Paolo Ballanti dell’Istituto Superiore di Studi Musicale G. Verdi.
Alle 20:00 il Teatro aprirà le porte per condurre il pubblico in un “viaggio esperienziale” sulle potenzialità delle persone sorde attraverso immagini e video prodotti dalla Fiadda ed installati nel Foyer.
La musica palpita in Davide fin dalla fanciullezza e ne scandisce vita e crescita per nulla ostacolate dalla sua sordità congenita. Un talento innato, coltivato e curato con passione ed amore, lo guida verso la scoperta delle proprie potenzialità e la realizzazione dei suoi sogni.  Il suo forte credo, unito a tenacia e determinazione, gli consentono di oltrepassare limiti, difficoltà, barriere e pregiudizi derivanti dalla disabilità, di affinare il suo orecchio mentale, di sviluppare attraverso uno studio folle, una sensibilità diversa, un istinto generato da vibrazioni, riflessioni interiori e movimento del corpo. Il suo è un percorso costante e coraggioso, talvolta faticoso e duro, che plasma ed affina una rilevante personalità artistica, tensioni, virtuosismi, improvvisazioni e che afferma maturità professionale in continuo crescendo.

Il concerto sarà preceduto, nelle mattine del 23 e 24 novembre, da due incontri educativi formativi dal titolo “Tutti inclusi. Gli studenti incontrano la Fiadda”.  Rivolti agli alunni del Liceo Scientifico A. Oriani e dell’I.C. San Biagio nel plesso Don Minzoni – indirizzo musicale e condotti in particolare da persone sorde, gli incontri si propongono di sensibilizzare i ragazzi al valore ed al rispetto della diversità, guidarli a discutere della bellezza dello scambio, dell’accoglienza, della solidarietà, della socializzazione e renderli consapevoli dei fertili frutti delle Buone Prassi dell’inclusione scolastica.
Attraverso il dialogo ed il confronto, si discuterà di disabilità ed inclusione nelle sue diverse sfumature, della terminologia da adottare, dell’importanza dell’accessibilità e fruibilità della cultura, di esperienze di vita, di sconfitte e di successi.  L’incontro di Santacolomba con gli alunni della Don Minzoni, indirizzo musicale, offrirà ai giovanissimi musicisti un’emozione che trasporterà gli allievi , attraverso le dita del Pianista sulle ali della Magia della Musica.

Gli appuntamenti saranno sottotitolati in tempo reale con il sistema del “Respeaker”, fornito dal Coordinamento FIADDA Emilia Romagna nell’ambito del Progetto Regionale “Abbattere le barriere della comunicazione. Per una società inclusiva anche per le persone sorde”, finanziato dalla Regione Emilia Romagna.
Ingresso ad offerta libera fino ad esaurimento posti. Il ricavato sarà devoluto alla FIADDA.
Info e prenotazione: info@fiadda.it    349 6525998 (Riccardo) – 349 0878160 (Valeria) – 348 0719224 (Giuliano)

 

Sabato 13 ottobre a Bologna si è svolto il primo di una serie di incontri all’interno del progetto regionale di FIADDA rivolto ai giovani, che si pone l’obiettivo di fornire loro strumenti, informazioni, confronti, in modo che possano essere cittadini autonomi, attivi ed inclusi nella società.

Ci siamo incontrati per parlare di noi. Sembrava un sabato grigio, uno di quelli che col cattivo tempo e le tante nuvole ti fanno voglia di rimanere a casa un po’ triste.

E invece con l’aiuto del professionista Davide Rambaldi, è stato un sabato luminoso, dove tra il racconto di tante difficoltà, la fatica nell’accettare la propria sordità sono emerse la voglia di riscattarsi, la bellezza di alcuni incontri che per noi hanno determinato il punto di svolta nella nostra vita ed alcuni aneddoti divertentissimi!

Abbiamo imparato che l’accettazione, oltre a venire dall’esterno, deve venire anche dal profondo di noi stessi, che l’ironia può essere un’arma vincente e che solo nel confronto con la diversità – qualsiasi diversità essa sia – si cresce!

 

l’incontro è stato sottotitolato

Il progetto è realizzato grazie al finanziamento della Regione Emilia-Romagna che sta dimostrando grande sensibilità rispetto alle esigenze delle giovani generazioni di persone sorde abilitate alla lingua verbale, che non conoscono la lingua dei segni, e che vogliono partecipare come tutti alla società di tutti, nonostante i pregiudizi e le barriere della comunicazione che incontrano.